Il blog di Nudge Italia

Nudge Italia al lavoro!

In fotografia il nostro team al lavoro in modalità smartworking, come ancora molti di voi. 

In questi mesi ci siamo impegnati nell’ideazione di micro interventi orientati ad aumentare la sicurezza di tutti in particolar modo durante la fase 2, appena iniziata nel nostro paese, sia in ambito pubblico sia privato e nella produzione di contenuti di qualità inerenti l’economia comportamentale e non solo…

Infatti con piacere collaboriamo anche con aBetterPlace, alla rubrica COVID-19, analizzando con la lente dell’economia comportamentale la pandemia che ci ha tristemente colpiti. 

Potete trovare tutti gli articoli al link di seguito: 

https://abetterplace.it/osservatorio-be-covid-19

Buona lettura!

Too good to go

image

Il tema della riduzione degli sprechi degli alimenti, anche come strumento di sostenibilità ambientale, ci è sempre stato a cuore. 

E’ per questa ragione che siamo felici del recente arrivo anche sul mercato italiano dell’app antispreco “Too Good To Go”.

Scarica l’app e scopri il contenuto della tua Magic Box!

Sul link ufficiale tutti i dettagli della mirabile iniziativa:

https://toogoodtogo.it/it

Primo master italiano in economia comportamentale

Aperte ancora per poco le iscrizioni al nostro master universitario “Master in persuasion, Decision and Change Management”.

Per tutti i dettagli andate al seguente link: 

https://bit.ly/2W3yY0L

Nudge Italia collabora con Unimib per promuovere un’alimentazione sana

image

Promuovere un’alimentazione sana si può e nell’articolo di seguito è spiegato per filo e per segno come abbiamo fatto in collaborazione con il gruppo BASE dell’Università degli Studi Milano-Bicocca e il gruppo Sodexo:

https://www.unimib.it/comunicati/milano-bicocca-riorganizza-mensa-insegnare-mangiare-sano

NUDGE ITALIA ospite di “Miei carissimi Milanesi”

Il coordinatore del nostro gruppo Massimo Cesareo è stato ospite del programma radiofonico “Miei Carissimi Milanesi” per parlare di nudging, di digital detox e dei nostri interventi.

Se siete curiosi di saperne di più cliccate il seguente link (dal minuto 00:18:30): 

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=2220767754875133&id=302745276472309

“Safe Drive Pod” per una guida in sicurezza

Siamo forse tutti d’accordo sul fatto che lo smartphone oggi sia uno strumento indispensabile, o quantomeno importante, per poter svolgere una miriade di attività quotidiane. 

Siamo altrettanto consapevoli dei pericoli che corriamo quando utilizziamo lo smartphone? 

Lasciamo ai neuroscienziati approfondire gli effetti dell’utilizzo delle nuove tecnologie sul nostro cervello e proviamo ad analizzare i nostri comportamenti influenzati dall’utilizzo dei dispositivi digitali, ambito che ci compete maggiormente. 

Gli ultimi dati che arrivano dagli Stati Uniti mostrano un incremento del 236% di pedoni investiti a causa della loro distrazione dovuta all’utilizzo del cellulare. 

In Italia? Si è stimato che il 16,2% (oltre 36.000) degli incidenti sulle nostre strade sia dovuto alla distrazione, causata dall’utilizzo degli smartphone, dei conducenti. 

Come arginare questi nuovi fenomeni senza ricorrere a sanzioni e multe, che hanno mostrato una scarsa efficacia, quanto meno a lungo termine o senza utilizzare campagne di sensibilizzazione shock (es. Svizzera)? 

Ci hanno pensato Paul Hendriks ed Erik Damen con il loro Safe Drive Pod

Basta scaricare l’app e applicare sul proprio veicolo un piccolissimo dispositivo che comunica wireless con l’app sul nostro cellulare. Quando siamo alla guida il dispositivo entra in azione e il cellulare viene automaticamente disabilitato sia a ricevere chiamate, notifiche o messaggi sia a inviarle fino a quando il nostro veicolo non sarà completamente fermo. 

Creare un contesto di guida sicuro e senza distrazioni è sicuramente un buon primo passo per aumentare la sicurezza sulle nostre strade.


Per tutti i dettagli andate alla pagina ufficiale:

https://www.safedrivepod.com/it-it 

#NudgeEveryDay 1


Da diversi anni, nonostante l’era digitale sia iniziata ben prima, è consuetudine da parte di grandi aziende di trasporto (e non solo) invitare i propri clienti ad acquistare i biglietti di viaggio in formato digitale

Si legge spesso “è più comodo”, “è più rapido”, “puoi farlo ovunque e in qualsiasi momento”, “il tuo biglietto a portata di un click”.

Basta avere il QR Code sul proprio telefono, senza dover stampare nulla di cartaceo, e correre alla stazione o all’aeroporto.

Avete mai pensato all’impatto ambientale che potrebbe avere questo genere di pratica se tutti la scegliessero? Siamo fiduciosi che una spinta gentile potrebbe ulteriormente promuovere questa scelta ecologica.



Older Posts

Custom Post Images