IL BLOG DI NUDGE ITALIA

image

#NudgeEveryDay 9 


Senza ombra di dubbio il car sharing è un servizio comodo, economico e flessibile alle necessità dei suoi fruitori. E cosa non meno importante ci offre un’alternativa più sostenibile all’utilizzo della nostra automobile personale. Ma come conciliare le esigenze dei viaggiatori e le necessità dell’azienda che si occupa della manutenzione ordinaria e straordinaria delle vetture?

Facciamo l’esempio del rifornimento di carburante. Fino a non tanto tempo fa, alla macchina con il serbatoio di benzina vuoto veniva disattivata la geolocalizzazione e un operatore si recava sul posto per effettuare il rifornimento.

Come migliorare il servizio offrendo un’organizzazione vantaggiosa per tutti? Sgravando l’azienda dai costi – in termini di mano d’opera e di tempo – e offrendo ai viaggiatori un servizio vantaggioso?

Le principali aziende di car sharing di Milano hanno spinto gentilmente i propri clienti a effettuare loro stessi il rifornimento. Come convincerli? Semplice! Offrendo loro un incentivo: 20 minuti gratuiti di guida e validi illimitatamente a ogni cliente che faccia rifornimento quando il livello del serbatoio dell’autovettura sia al di sotto del 25%.

Ecco un esempio di come strutturare il contesto per renderlo più funzionale alle necessità e ai bisogni di tutti, in un’ottica win-win.

La leadership gentile

image

Ad aprile 2018 Nudge Italia è stata ospite della multinazionale olandese Randstad Italia che a palazzo Borsa in Piazza degli Affari a Milano ha organizzato un workshop dal titolo “La leadership gentile. Il nudging come strumento manageriale”.

Se siete interessati a capire quale sia il legame tra un’agenzia per il lavoro come Randstad e l’economia comportamentale leggete al seguente link il breve, ma esaustivo articolo scritto dal nostro Francesco Pozzi:

https://www.randstad.it/knowledge360/archives/la-leadership-gentile-il-manager-come-architetto-delle-scelte_1015/

Come viaggiare gratis a Pechino con il “reverse vending”

image

Qualche tempo fa Pechino è balzata alle cronache per l’aria troppo inquinata. 

La risposta dell’amministrazione della città - in via sperimentale - è stata l’installazione di “cassonetti intelligenti” per riciclare le bottiglie di plastica. Ogni bottiglia di plastica fa accumulare un credito di 7 cent e ogni 15 bottiglie si ha diritto a un biglietto gratuito dei trasporti pubblici. 

Ecco un’iniziativa per ottimizzare il riciclo e l’attenzione per l’ambiente e per sensibilizzare l’opinione pubblica in merito a un trasporto sostenibile. 

Per maggiori dettagli sull’iniziativa leggete l’articolo al seguente link:

https://www.inabottle.it/it/tendenze/pechino-viaggiare-nel-metro-servono-15-bottiglie-di-acqua

0.01, 0.02, 0.03 centesimi: come possono modificare le nostre abitudini al supermercato?

Sappiamo tutti - a nostre spese - che in Italia da gennaio 2018 quando acquistiamo frutta e verdura al supermercato dobbiamo pagare il sacchetto biodegradabile all’interno del quale inseriamo i nostri acquisti. 

Come ha influito sulle nostre abitudini di acquisto la legge da poco entrata in vigore ? 

A dare una risposta chiara ci ha pensato l’Istituto ISMEA (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare) che ha segnalato un aumento dell’11% dell’acquisto di frutta e verdura confezionata e una riduzione del 3.5% dell’acquisto di frutta e verdura sfusa. 

Ecco un esempio di come una piccolissima cifra possa influire sulle nostre scelte portandoci a stra-perdere, infatti la frutta e verdura confezionata costa mediamente il 43% in più rispetto a quella sfusa. 

Questo è un classico esempio di bias cognitivo che ci porta a compiere delle scelte che alla lunga si rivelano più dannose. Per non sperimentare emotivamente la perdita di pochi centesimi alla lunga ne spendiamo di più…molti di più!


Al link potete trovare un interessante articolo sull’argomento: 

https://www.ilpost.it/2018/05/09/stiamo-comprando-piu-frutta-e-verdura-confezionata/

#NudgeEveryDay 8 


Sulla scia delle impronte verdi a Copenaghen e a Londra per spingere gentilmente i cittadini a buttare i rifiuti nei cestini della spazzatura, sono arrivate le frecce direzionali nella metropolitana di Milano (linea M5). 

Se sei distratto, di corsa o assorto nei tuoi pensieri non hai più scuse per sbagliare la linea metropolitana. Le frecce direzionali, infatti, fungono da reminder visivo e rendono più semplice a tutti individuare la strada giusta per raggiungere la banchina del proprio treno. 

Older Posts

Custom Post Images

stacks_image_939
Il Blog di Nudge Italia
http//nudgeitalia.tumblr.com